Grafica Horror: la richiesta che uccide

Grafica Horror: immagini utilizzate male, blog post di Laura Calascibetta Graphic Designer

Grafica Horror: una delle richieste peggiori che si possa fare ad un grafico

 

È Ottobre, questo significa che tutti i post avranno una veste orrorifica! Per tutto il mese ti parlerò di argomenti collegati al mio lavoro ma con un riferimento ad Halloween, come avevo fatto l’anno scorso. Puoi leggere i post del 2017 qui, qui e qui. Il primo post della serie Halloween di quest’anno parlava del mio immaginario; questo e i due precedenti (a tema loghi e a tema immagini) rientrano in Grafica Horror, l’ultimo poi vedrà una collaborazione con Chiara Sinchetto con un post tutto sulla paura!

 

C’è una richiesta che spaventa a morte ogni graphic designer: “ho visto questa grafica/logo/immagine/quellochevuoi, me la fai uguale?”. 

Questo tipo di domanda, oltre a spaventare e svilire il povero professionista a cui è rivolta, è davvero controproducente e si sente più spesso di quello che si pensa.

Tutti vediamo in giro cose che ci piacciono e spesso veniamo anche contagiati dalle mode (i trend ci sono anche nella grafica, come in tutto!) e se sono in linea con il nostro brand può essere interessante l’idea di prendere spunto. Quando lavoro ad un progetto chiedo sempre ai miei clienti di mostrarmi immagini che hanno visto e che gli piacciono per capire quali sono i loro gusti e cercare di proporgli la soluzione migliore per loro, che sia un connubio tra quello che è giusto fare e quello che loro gradiscono, ma fare qualcosa di identico è un altro discorso.

 

Perché non posso averlo uguale?

Prendere un progetto già esistente e pensare di utilizzarlo per la propria attività è sbagliato sia da un punto di vista etico che di strategia. Eticamente dobbiamo renderci conto che praticamente stiamo plagiando quel progetto, strategicamente dobbiamo riflettere su quanto possa essere controproducente una scelta del genere.

Promuovere il proprio brand vuol dire promuovere la sua unicità. La tua attività è unica, sicuramente non sarai l’unico a fare il tuo lavoro ma nessuno lo farà mai come te. L’insieme delle tue caratteristiche, dei valori, delle scelte, fanno tutte parte del tuo brand e questo deve rispecchiarsi anche nella comunicazione visiva.

Se prendi quello che è stato fatto per un altro brand come puoi pensare che possa valorizzare davvero il tuo?

 

La paura di fidarsi

Penso che dietro a questo tipo di atteggiamento ci sia, spesso e volentieri, la paura di fidarsi. Mettersi totalmente nelle mani di qualcuno equivale a fare un salto nel vuoto: magari non otterremo quello che speravamo, non verremo capiti, perderemo tempo; mentre copiando qualcosa che abbiamo visto e che ci piace, sappiamo già quale sarà il risultato finale e questo ci rassicura.

Il consiglio è quello di fare un passo indietro e ragionare sul perché stiamo per fare quel tipo di richiesta. Forse non abbiamo davanti la persona giusta per noi o forse siamo abituati a tenere tutto sotto controllo o ancora, non abbiamo per primi le idee chiare. Parlare con chi si occupa del progetto esternando dubbi e paure è la prima cosa, se è un professionista ascolterà e cercherà di venire incontro alle richieste trovando la soluzione migliore da tutti i punti di vista.

 

Questo era l’ultimo post di Grafica Horror 2018, mi raccomando non perderti l’intervento di Chiara la prossima settimana. Sono sicura lo troverai molto interessante!

 

 

RIMANIAMO IN CONTATTO?

E se ti scrivessi ogni tanto? Iscriviti alla mia newsletter per ricevere aggiornamenti, contenuti esclusivi, offerte e anticipazioni! Per ringraziarti dell’iscrizione ho creato dei contenuti gratuiti che ti aiuteranno nella comunicazione del tuo brand.

 

 

 

Ciao, mi chiamo Laura e credo che ogni progetto sia unico e diverso.
Attraverso una grafica bella, curata e funzionale ti aiuto a mostrare l’unicità della tua idea!

Ti potrebbero interessare anche: